Risotto all’onda: Stracchino & Mustela Croccante


Come unire il Nord ed il Sud d’Italia nella stessa portata?

La risposta è semplice: preparando un cremosissimo Risotto!

Oggi vi propongo un piatto dal sapore delicato e raffinato, dove il gusto rustico della Lonza si sposa con quello fondente dello stracchino. Ho finalmente aperto il regalo arrivato dagli amici del @salumificiomontearci, sto parlando della loro strepitosa “Mustela”, una specialità sarda conosciuta anche come Musteba.

Questo salume, insieme ai formaggi e ai pani, è il fiore all'occhiello della Sardegna.

Appena la assaggerete (per me era la prima volta) verrete avvolti dal suo sapore dolciastro e profumo esilarante, un prodotto magro, tenero e gustoso, dal colore rosa, un delicato antipasto della produzione sarda, trasformato nell’ingrediente principale di questo Primo piatto.

Ricetta facile da preparare, ed ideale per conquistare anche i palati più esigenti, poi se il risotto è cotto all’onda che ve lo dico a fare??

Pronti?

>Ingredienti: 350 gr di riso Arborio, 200 g di stracchino, 1 cipolla bianca, 40 g di burro, Parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe, olio evo q.b., 200 ml di vino bianco, 1 l di brodo vegetale, 50 gr di Mustela tagliata a fette sottilissime

>Preparazione: Piccola premessa per preparare un risotto all'Onda con la R maiuscola: Per un risotto all’onda come si deve, il brodo va assolutamente aggiunto poco alla volta, man mano che viene assorbito dalla preparazione. Il passaggio probabilmente più importante è la mantecatura a base di burro e formaggio, generalmente parmigiano reggiano o grana padano. Un segreto è utilizzare burro e formaggi freddissimi di frigo. (Lo shock termico, infatti, aiuterà a far venir fuori la consistenza vellutata tipica del risotto all’onda.) La mantecatura va fatta tassativamente a fuoco spento e senza mescolare, ma “spingendo” avanti e indietro la pentola impugnata saldamente dal manico. Come già detto, bisogna cercare di far ripiegare il riso su sé stesso, creando le onde, e intanto incorporare il burro e il formaggio al riso. Detto questo partiamo: Sbucciate e tritate finemente la cipolla, quindi versatela in una casseruola a soffriggere con 20 g di burro su un fornello a fiamma bassa. Non appena la cipolla sarà imbiondita, aggiungete il riso facendolo tostare per appena 5 minuti, dopodiché sfumate con il vino bianco, facendo evaporare l’alcol. Bagnate il riso con un pochino di brodo bollente, ripetendo l’operazione non appena si asciuga. (non utilizzate il mestolo per girare ma create man mano delle onde all'interno della pentola così che il riso non attacchi ma si amalgami al brodo) Quando il risotto sarà cotto al punto giusto, unite lo stracchino a tocchetti con qualche cucchiaio di brodo, così da farlo completamente sciogliere. Spegnete dunque il fuoco e mantecate con il burro e il parmigiano, aggiustando di sale e pepe. Fate riposare il risotto per 5 minuti e nel mentre scottate le vostre fettine di Mustela in un padellino antiaderente a parte.

Prima di servire il risotto bene caldo aggiungete delle roselline di Mustela Croccante e tutti a tavola

Buon appetito


Federica Bottini | FoodBlogger

Milano, Lombardia, Italia